Pietro Amelia

Pietro Amelia

Responsabile MTB dal 2001.

Direttore Sportivo I Livello.

Atleta cicloamatore dal 1996 a tutt'oggi.

Archiviata la tappa numero sette del Giro della Campania, i bikers ritornano a sfidarsi nelle gara a circuito, infatti li aspettano 3 prove del trofeo X-Cross. La prima in ordine temporale sarà domenica 24 giugno ad Ottati, consueto appuntamento sull’altopiano di Campo Farina presso il Rifugio Panormo dove avrà luogo il "Trofeo dei 3 Rifuggi" gara Top Class con montepremi federale e valevole quale prova unica di Campionato Regionale cross country per le categorie Esordienti 1°/2° anno, Allievi 1°/2° anno, Juniores, Open (Elite + Under 23). La gara valida per i punti X-Cross con punteggio maggiorato di 5 punti (vedi regolamento al link: http://www.federciclismocampania.it/news/off-road/item/313-x-cross.html) sarà comunque aperta a tutte le categorie ed agli Enti di promozione. Le categorie Esordienti ed Allievi partiranno prima e faranno gara a se su un circuito di 3,600 km mentre a seguire si farà la gara per le restanti categorie sul classico percorso da 8,400 km le iscrizioni su Fattore K id 142417.

La settimana successiva, domenica 1 luglio, si andrà in terra di lavoro, dove la società MTB Tifata che prende il nome dall’omonimo monte che sovrasta l’abitato di Sant Angelo In Formis (CE) organizzerà il trofeo “Tifata XC” e questa volta a concorrere per il titolo di Campione Regionale cross country saranno le categorie Amatoriali, sempre unitamente all' assegnazione dei punti per il trofeo X-Cross. Qui il percorso di 6,5 km permette di correre tutti insieme, con partenza sfalsata di qualche minuto. L’Id di Fattore K è 142418. Ad Ottati ed a San Angelo in Formis le maglie di Campione Regionale verranno offerte dallo sponsor Maglificio Ciemme Sport.

In fine domenica 8 luglio ,si ritorna dopo qualche anno di pausa, ad Alvignano per la "XC Antica Cubulteria" gara sempre valida per il trofeo X-Cross che si svolgerà su un circuito di 4 km. L’organizzazione sarà curata dai ragazzi della Cubulteria attivi sul territorio nella promozione della MTB. L’id Fattore K è  142419.

A tutti non resta che prepararsi per il filotto di punti a disposizione per curare la classifica del trofeo X-Cross che è disponibile al link:  http://www.federciclismocampania.it/news/off-road/item/314-x-cross.html

Domenica 10 giugno, all’ombra dei platani del viale S. Modestino di Mercogliano, sono partiti all’assalto del Parco del Partenio i 350 partenti della prima Maraton di Montevergine. I partecipanti si sono suddivisi su tre percorsi, il Marathon di 82 km, la gran fondo di 56 km ed il giro escursionistico da 26 km. Subito dopo il via assistito, occhi puntati sul percorso marathon, impegnativo sia dal punto di vista altimetrico che tecnico. Su questo tracciato si sfidavano i migliori specialisti in cerca di punti preziosi per la classifica del Giro della Campania Off-road. Subito dopo il via prende il comando delle operazioni l’Elbano in forza alla Cicli Taddei Matteo Spinetti che ha condotto gara in solitaria concludendo vittorioso con il tempo di 3 ore 41 minuti e 53 secondi, relegando al secondo posto assoluto Antonio Matrisciano del Team Giuseppe Bike a 14 minuti e 35 secondi. In terza posizione Marotta Felice altro atleta del Team Giuseppe Bike. Tutti e tre comunque vincitori anche delle rispettive categorie. Nelle altre categorie in gara hanno primeggiato: Stavola Santino (Bike in Tour Vallo di Diano) M2, Parlato Vincenzo (Team Giuseppe Bike) M3, Napolitano Santono (San Massimo) M5, Radesca Emilio (Bike in Tour Vallo di Diano) M6, Marfisi Antonio (Cycle Promozione Ciclismo) M-Over, Vecchione Tommaso (Federal Team Bike) U.23. Sul percorso granfondo, non meno impegnativo in larga parte ricavato dal marathon, ha visto la vittoria di Francesco Ciccarelli M2 (Mastantuoni Sport 1950)  che ha concluso la tornata con il tempo di 2 ore 41 minuti 06 secondi. Al secondo posto assoluto ha concluso Russo Paolo M1 (Federal Team Bike) mentre al terzo posto è giunto Esposito Raffaele M2 (Team Giuseppe Bike). Nelle rispettive categoria hanno vinto: Della Rocca Giuseppe (Federal Teram Bike) ELMT, Rossi Giuseppe (Amici in Bici Montefalcione) MJ, Forlenza Riccardo (Bike Scool Valsele) JU, Ciavolino Ernesto (Vesuvio Mountainbike) M3, Minelli Rosario (Passion Bike) M4, Mennillo Pietro (GS Moiano) M5, Ariano Pasquale (Team Giuseppe Bike) M6, Luongo Giorgio (Vesuvio Mountainbike) M-Over. In campo femminile incrementa il vantaggio nella classifica del Giro della Campania Off-road al femminile Di Micco Cinzia (GS Moiano) che ha vinto precedendo Mastroianni Teresa (San Massimo). In fine sul percorso escursionistico ha avuto la meglio Imitazione Michele (Motosprint Carbonari Bikers) e nella speciale competizione E-Bike, La gara era valida quale prova della Campania E-Bike, Forte Roberto (MTB Fan). Al termine della gara soddisfazione è stata manifestata dalla società organizzatrice Linea Bici e da tutto lo staff di collaboratori. Tutto è andato per il meglio, anche se la prova organizzativa era ardua, per l’edizione 2019 gli organizzatori lasciano presagire che si pensa di raggiungere quota 100 km.

Classifiche complete:   https://www.mtbonline.it/Risultato/1374/1/

Classifica trofeo E-Bike http://www.campaniaebike.com/classifica.html         

Montevergine quest’anno è stata ancora una volta arrivo di tappa del Giro d’Italia ed in tanti hanno apprezzato le gesta di Richard Carapaz della Movistar che ha domato i tornarti in asfalto fino in cima al traguardo del Santuario. Ma ora il discorso cambia i Bikers impegnati nella Marathon di Montevergine del prossimo 10 giugno dovranno affrontare chilometri di pietraia, salite ripide e single trak per domare la montagna che sovrasta l’abitato di Mercogliano. A meno di una settimana dalla Marathon di Montevergine gli uomini di Linea Bici sono già all’opera sul percorso per segnalarlo e preparalo al meglio alla sfida che attende i partecipanti di questa prima edizione. Quest’anno il team dell’organizzazione capitanato da Marcello Iannaccone ha alzato l’asticella approntando un tracciato di 82 km con 2510 metri di dislivello, impegnativo quanto basta per una gara sulla lunga distanza ma infarcito anche da sentieri semplici e panoramici per ristorare gambe e la vista nell’incantevole scenario del Parco del Partenio. L’organizzazione manterrà decisamente alto lo standard qualitativo impegnando oltre cento volontari, auto fuoristrada, quad ed ambulanze disseminate lungo il tracciato per garantire assistenza e sicurezza a tutti i partecipanti. Previsto anche un tracciato gran fondo di 56 km e 1750 di dislivello oppure uno ancora più breve escursionistico di 34 km e 1100 mt di dislivello. La gara valevole quale tappa del Giro della Campania assegnerà punti preziosi per la classifica di categoria ricordiamo a tal proposito che chi concorre sul tracciato Marathon gli verrà assegnato il punteggio con una maggiorazione di 8 punti. Pacco gara con prodotti di qualità pasta party e premiazioni completano un’offerta organizzativa tra le migliori. Non resta che affrettarsi per gli ultimi pettorali disponibili scegliere in percorso più adatto alla propria condizione fisica e lanciarsi in questa sfida.

di Elisabetta Ciminelli

Arriviamo a Torre del Greco pochi minuti prima della partenza della “Vesuvio Mountainbike Race”. Il navigatore ci dirige verso “Valle dell’Orso”, un parco avventure incastonato tra le pendici del Vesuvio e il Golfo di Napoli. All’orizzonte l’incantevole vista dell’isola di Capri. Da qui partiranno i 700 atleti in griglia.
Lo start è subito nervoso e non mancano le cadute. D’altronde, chi vuole giocarsi la posizione sa che dovrà spingere nella prima metà di percorso, dopodiché via con i single track dove il sorpasso diventa sempre più difficile e la guida sempre più nervosa. Dai 50 m s.l.m. di Torre del Greco, nei primi 13 km si arriva subito a quota 1000 mt, passando per la “Salita della Sposa”, una salita spaccagambe cui nome si deve all’inquietante ritrovamento, da parte degli uomini dell’ASD Vesuvio Mountainbike, di un abito da Sposa dopo gli incendi del 2017. Atmosfera spettrale a parte, a rendere davvero impossibile questo strappo, sono le pendenze da capogiro e il fondo lavico. Cattiva scelta delle gomme e una distribuzione sbilanciata del peso e per molti il piede poggia inesorabilmente a terra. Di certo non è successo al gruppo di testa che in questi chilometri di salita è riuscito a domare la sabbia nera del Vesuvio senza troppe preoccupazioni. Massimo Folcarelli (RACE MOUNTAIN FOLCARELLI TEAM) e Paolo Colonna (SCOTT RACING TEAM) sono i primi due a presentarsi alla “Valle dell’Inferno” (13imo km), lì dove la strada scollina e inizia la sfida alla scelta della giusta traiettoria. Il loro è un testa a testa che durerà per tutti i 46km della gara con un finale al cardiopalma che ha visto Folcarelli avanti appena di una ruota e il Nazionale della Scott amareggiato per aver creduto di avere ancora qualche chilometro di salita per poter attaccare prima dell’arrivo. I single track tirati a tutta dai due di testa sono valsi la lotta per la vittoria a Pasquale Di Lorenzo (ASD ROKKA BIKE). Il campano, che al GPM si presentava con soli 10 secondi di ritardo, ha visto man mano crescere il divario tra sé e gli avversari ma è riuscito comunque a sigillare la terza posizione. Ancora buone prestazioni in ottica di Classifica Generale del Trofeo dei Parchi Naturali per Andrea Privitera (TEAM JONICA MEGAMO, 4°), Alessio Mirabile (SPECIAL BIKERS ELIOS, 7°), Francesco Favale (CARBONHUBO CMQ, 8°), Antonio Matrisciano (ASD TEAM GIUSEPPE BIKE, 9°) e Raffaele Mastrangelo Fago (A.S.D. BIKE & SPORT TEAM, 10°). Gara molto sofferta invece per la leader virtuale del circuito, Lucia Minervino (SPECIAL BIKERS ELIOS) che, a causa di una frattura all’alluce, ha dovuto rinunciare alla lotta per il podio e accontentarsi del quarto posto. Mariangela Roncacci (RACE MOUNTAIN FOLCARELLI TEAM, 1°), invece, ha firmato il dominio del Team Folcarelli in terra partenopea anticipando Ilaria Colantonino (ASD GS MUROLO COSTRUZIONI, 2°) e Loredana Varlese (VITTORIA LEPONTIA RACING TEAM, 3°).
Sulla mediofondo, invece, è finalmente arrivata l’ora di Vincenzo Saitta (SPECIAL BIKERS ELIOS, 1°).
Dopo essersi visto sfilare il gradino più alto del podio in volata nel Sele e in Salento, il siciliano ha centrato l’obiettivo con un arrivo in solitaria. Chi invece quel gradino lo sta calcando spesso nelle tappe del Trofeo è Tiziana Liguori (EXTREME BIKE, 1°), ancora una volta la migliore mediofondista. CLASSIFICHE COMPLETE A proposito di vittorie, la più acclamata sul palco del Vesuvio e sui social è stata quella di Antonio Ferro (MTBFAN), meglio conosciuto nel mondo delle ruote grasse come “O’ Mast”, un appassionato 84enne che ha il “vizio” di terminare tutte le gare.
Anche questa volta, nonostante abbia “baciato il terreno del Vesuvio” (leggiamo testuali parole dal suo profilo facebook), è arrivato con il suo solito sorriso sotto il traguardo. Prestazioni a parte, finalmente quel Vulcano nero, un tempo tinto dalle ginestre, si è ricolorato grazie alle divise dei 700 atleti e alle maglie gialle dei ragazzi dello staff sparsi lungo il percorso. Vederli dall’alto fa uno strano effetto, sembra quasi di sentire la fragranza fresca ed opulenta della pianta cantata da Leopardi. Ma una volta sparite tutte le divise colorate resta quella vista tetra e spettrale, aggravata dalla simmetria dei giovani arbusti piantati per ripopolare gli ettari di bosco andati in fiamme. Gerardo Ciampa, presidente dell’ASD Vesuvio MTB, non si è mai fatto impaurire da questo scenario, nemmeno quando ha visto andare in fumo il percorso della prima edizione e il suo amato Parco. Nonostante il terreno continuasse a cedere, perché brutalmente privato dei suoi alberi, lui e il suo team hanno lavorato incessantemente per riqualificare il territorio e avere nuovamente dei sentieri percorribili in mtb. Il successo della II Vesuvio Mountainbike Race, decantata per logistica, assistenza, animazione, pasta party (ben 4 scelte di primi, contorni e secondi) e percorso, definito da molti come un divertentissimo parco giochi, sono il simbolo di quanto questo sport, nel suo piccolo, possa contribuire a rendere il mondo un posto migliore.

La piazza di Roccamonfina domenica 13 maggio si è riempita di variopinte divise dei bikers accorsi da tutta la Campania e regioni limitrofe per la sesta edizione della “Bicincanto nel Vulcano” gran fondo valida per il Giro della Campania Off road ed il trofeo Centro Italia Race Cup. Il percorso tracciato dagli organizzatori misurava km 45 con 1500 mt di dislivello segnalato impeccabilmente e con ristori ben forniti e piazzati nei punti utili. Oltre ai tanti tratti paesaggistici che facevano rimpiangere di essere in gara. Una organizzazione curata nei minimi particolari dall’ASD Bicincanto nel Vulcano nata nel 2011 dalla volontà di un gruppo di amici di valorizzare e far conoscere le proprie terre. Il vulcano Roccamonfina rappresenta, difatti uno dei più importanti vulcani spenti d’Italia, con vette che superano i 1000m e terreni più che mai adatti alla mountain bike, al trekking e al più moderno walking trekking . L’associazione si prefigge lo scopo di far conoscere tutto ciò sia ai turisti che agli abitanti del posto in modo che possano godere delle beltà del luogo e, allo stesso tempo, di contribuire in maniera fattiva allo sviluppo del turismo naturalistico. La vittoria nella gran fondo è stata  a favore di Luigi Feritto (Team Giannini Bike) che ha allungato nei primi chilometri ed a nulla e valso il tentativo di rimanere sulle sue ruote di Giovanni Pensiero (HGV Cicli Conte Racing Team) che si è dovuto accontentare della piazza d’onore, davanti a Antonio Matrisciano (Team Giuseppe Bike) che ha chiuso il podio. Nelle altre categorie si sono imposti: Colella Elia (PRO BIKE RIDING TEAM) categoria Elite, Fago Mastrangelo Raffaele (A.S.D. BIKE & SPORT TEAM) categoria Elite-Master, Cetrone Matteo (BICINCANTO NEL VULCANO A.S.D) categoria Master Junior, Baldestein Raul (CYCLING CAFÈ RACING TEAM) categoria Junior, Marotta Felice ( ASD TEAM GIUSEPPE BIKE) categoria Master 1, Tucceri Cimini Mauro (AVEZZANO CYCLING TEAM) categoria Master 3, Napolitano Santolo (SAN MASSIMO) categoria Master 5, Fortunato Marco (LINEAOROBIKE AVEZZANO) categoria Master 6, Tozzi Mario (APD CIOCIARIA BIKE) categoria Master 7, Nigro Gabriele (A.S.D. BIKE & SPORT TEAM) categoria Under 23, Varlese Loredana (VITTORIA-LEPONTIA RACING TEAM) categoria Master Woman. Al termine della gara tutti gli atleti e gli accompagnatori hanno gradito il pasta party ed a seguire le ricche premiazioni.

classifica gara https://www.mtbonline.it/Risultato/1366/0/

Classifica assoluta Giro della Campania http://www.federciclismocampania.it/news/off-road/item/443-giro-della-campania-off-road.html

Classifica per categorie https://www.mtbonline.it/Classifiche/66

Maggio sarà un mese “Vulcanico” per i partecipanti al Giro della Campania Off-road. manca poco alla tappa di Roccamonfina, la 6° edizione della gran fondo “Bicincanto Nel Vulcano”. I ragazzi dell’omonima associazione, attivi da anni sul territorio ed organizzatori di escursioni di trekking e ciclo passeggiate, domenica 13 Maggio saranno pronti ad accogliere i Bikers per farli gareggiare su un tracciato immerso tra i secolari castagneti della zona. La tappa di Roccamonfina sarà anche valida quale prova del Giro MTB Centro Italia Race CUP.  Il percorso di Km. 45 con dislivello complessivo positivo di 1500 mt. con la salita più lunga, sterrata, di km.4,00 con pendenza fino ad un massimo del 25%. Sarà previsto anche un percorso corto di km. 21,00 quasi interamente sterrato ricavato parzialmente sul circuito principale conservando le migliori caratteristiche del primo con un dislivello di mt. 800. Successivamente domenica 20 si scalerà l’altro vulcano, quello partenopeo nella “Vesuvio Mountainbike Race”. Un plauso va al coraggio ed alla determinazione dell’associazione Vesuvio Mountainbike che nonostante l’incendio che ha devastato la scorsa estate il Parco Nazionale del Vesuvio, palcoscenico della gara, i ragazzi di Torre del Greco con grande determinazione, superando innumerevoli difficoltà hanno voluto ripetere il successo della prima edizione e stando ai numeri dei prescritti, il successo è già consolidato. Anche questa gara avrà una doppia valenza infatti sarà valida anche per la classifica del Trofeo Dei Parchi naturali. Gli eventi sono consultabili sul sito www.mtbonline.it il sito partner del Giro della Campania off-road

Con la Gran Fondo dei Saraceni disputata il 29 Aprile scorso va in archivio un’altra tappa del Giro della Campania off-road. Anche questa prova è stata un successo con numeri che non si erano mai registrati prima, oltre 500 Bikers che hanno invaso sin dal sabato la splendida cittadina Cilentana. Il percorso gran fondo vedeva cimentarsi i concorrenti sulla distanza di 40 km con un dislivello di 1300 mt concentrato soprattutto nella seconda parte di gara, con il finale infarcito di ripide erte. Ed è proprio su quel terreno che Pasquale Di Lorenzo (Rokka Bike) categoria Master 1 consolidava il suo primato incrementando ulteriormente il vantaggio sugli inseguitori e concludeva a braccia alzate con il tempo di 1:43:22. alle spalle del vincitore volata tra Russo Paolo (Federal team Bike) e Marotta Felice (Team Giuseppe Bike) con Russo che aveva la meglio sfruttando la maggiore esperienza. Nelle rispettive categorie hanno vinto Mirco Zanni (IL TRICICLO SIDICINO), D’anna Maria Grazia (PIT STOP TEAM CICLO) Cetrone Matteo (BICINCANTO NEL VULCANO A.S.D) Del Viscio Paolo (CAGNANO VARANO CICLISMO) Esposito Raffele (ASD TEAM GIUSEPPE BIKE) Parlato Vincenzo (ASD TEAM GIUSEPPE BIKE) Ceparano Antimo (ASD TEAM OVER THE TOP BIKE) Ferrara Luigi (ASD MASTANTUONI SPORT 1950) Radesca Emilio (ASD BIKE IN TOUR VALLO DI DIANO) Panagrosso Ferdinando (PIT STOP TEAM CICLOÒ) Nigro Emanuele (A.S.D. BIKE & SPORT TEAM) Nunzia Gammella (ASD TUTTOBICI ROMANO) Lazzari Maria Rosario (ACSI COMITATO PROVINCIALE DI LECCE). Per quanto riguarda i Leader del trofeo, Pasquale di Lorenzo (Rokka Bike) consolida il primato tra gli Under 50. Santolo Napolitano (San Massimo) nonostante un secondo posto resta saldamente leader del raggruppamento Over 50 anni e tra le donne Micco Cinzia (GS Moiano), se pur di soli 4 punti, resta in testa alla categoria femminile. Classifiche assolute consultabili al link: http://www.federciclismocampania.it/news/off-road/item/443-giro-della-campania-off-road.html

Per quanto riguarda la speciale classifica di partecipazione, netto il successo dei ragazzi del team Motosprint Carbonari Bikers, una vera e propria invasione. In conclusione, ottima l’organizzazione messa in campo del responsabile Attilio Grattacaso del Cilento MTB che non ha mancato di elogiare i tanti volontari e sostenitori dell’evento. Ricco e gradevole il pasta party come le premiazioni a seguire.

Classifiche della gara https://www.mtbonline.it/Risultato/1361/0/

Classifica Giro della Campania  https://www.mtbonline.it/Classifiche/66

sulla home page nella sezione campionati e trofei trovate le classifiche X-Cross aggiornate alla tappa di Telese Terme

o più semplicemente cliccate sul link http://www.federciclismocampania.it/news/off-road/item/314-x-cross.html  

Il sito www.mtbonline.it partner del Giro della Campania Off-road 2018 ha pubblicato al link https://www.mtbonline.it/Classifiche/66 la le classifiche per categorie mentre sulla home page nella sezione Campionati e Trofei o cliccando sul link http://www.federciclismocampania.it/campionati/giro-campania-off-road-2017.html trovate quella generale under/over 50 anni maschile e quella femminile   

Domenica 22 Aprile nella splendida cornice del Monte Faito si è disputata l’omonima gara XC valida quale tappa del Trofeo X-Cross e prova unica del Campionato Provinciale Napoli. Ottima l’organizzazione messa in campo dai ragazzi del Lucky Team. Dopo l’annullamento causa neve del 25 marzo scorso, i partecipanti ed i tanti familiari al seguito hanno goduto a pieno di un clima estivo. Oltre un centinaio i partecipanti che suddivisi in 2 partenze si sono sfidati sugli impegnativi sentieri immersi in faggete secolari.

Nella prima gara riservata alle categorie giovanili tra gli Allievi si è imposto Vitiello Emanuele (Vesuvio Mountainbike) che si è aggiudicato la vittoria ed il primo titolo di Campione Provinciale precedendo Daniele Ferrante (Valsele Bike School) e Andrea Palmese (Ciclo Club Angri) Mentre tra gli Esordienti la vittoria è andata a Ricca Samuele  (Valsele Bike School) su Patrik Vanacore quest'ultimo si laurea Campione Provinciale Napoli a seguire Raffaele Parlato entrambi del Team Giuseppe Bike.

Nella gara successiva vince l'assoluta Paolo Russo (Federal Team Bike) categoria M1, alle sue spalle giunge Vincenzo Parlato (Team Giuseppe Bike) categoria M3, ed al terzo posto Antimo Ceparano (Over The Top) categoria M4. tutti e tre vincitori del titolo Provinciale nelle rispettive categorie. La categoria Juniores è stata conquistata da  Francesco Trimarco (Valsele Bike School) mentre tra le ragazze ha vinto Ilaria Colasanto (GS Murolo Costruzioni). gli altri titoli di Campione Provinciale sono stati conquistati da: Raffaele Esposito (Team Giuseppe Bike) M2, Raffaele De Gennaro (Lucky Team) ELMT, Tommaso Vecchione (Federal Team Bike) UN23, Rocco Patrizio (Vesuvio Mountainbike) M5, Mauro Ganeri (Team Giuseppe Bike) M6.

Al termine tutti i bikers si sono rinfocillati con panini e bibite offerte dagli organizzatori ed a seguire le premiazioni con la vestizione delle maglie offerte dallo sponsor maglificio Ciemme Sport.

 

* In allegato le classifiche        

Social

Le più popolari

Notizie Recenti